Karpathos


La vita dell’isola di Karpathos si svolge in maniera profondamente radicata nella sua antichissima tradizione: per oltre 400 anni gli abitanti del nord e del sud hanno vissuto isolati gli uni dagli altri, sviluppando usi e costumi in maniera indipendente;si ipotizza addirittura che  essi abbiano differenti origini etniche. Nonostante la notevole crescita del traffico turistico degli ultimi anni, Karpathos e suoi abitanti conservano un carattere ospitale e genuino che talvolta richiede da parte del turista una piccola dose di adattamento e comprensione dell’orgoglio che i locali nutrono per le loro tradizioni. E’ la meta ideale per chi ricerca la tranquillità, la tradizione popolare e il folklore. Nel villaggio di Olympos si possono ascoltare le musiche tipiche, osservare le donne che ancora indossano i loro costumi tradizionali; le immagini dei caratteristici villaggi di pescatori testimoniano il fatto che qui il tempo si è fermato per davvero, la gente dell’isola vive di agricoltura, pesca e da poco, anche di turismo.

PIGADIA: capoluogo dell’isolasi è sviluppata turisticamente solo negli ultimi anni; si affaccia sul colorato porticciolo di pescatori e, le sue taverne,ristoranti e tipici negozi costituiscono il centro della vita notturna di Karpathos.
AMOOPI: splendida località balneare a circa 8 km a sud di Pigadia; una strada di recente costruzione porta alle due famose baie di sabbia fine dove si trovano alcune taverne e piccoli ristoranti. Il suo mare cristallino è un vero paradiso per gli appassionati delle immersioni.
ARKASA: tranquillo villaggio  a 17 km da Pigadia, il cui nome deriva dall’antica città di Arkessia, le cui rovine si trovano ancora oggi sulla collina di Paleocastro.

ESCURSIONI GIORNALIERE: giro dell’isola, Olympos


Commenti